Titolo: osservazione dei batteri presenti in un campione di yogurt al microscopio

 

Nome: Federico Arcari      Classe:2^A   Data: 21/02/15

In gruppo con:

Nicola Saveri ,Marco Cargnelli.

Obiettivo: riuscire ad osservare, per mezzo del microscopio, i batteri presenti in un campione di yogurt.

Introduzione teorica

Il microscopio è uno strumento utilizzato per osservare organismi cellulari che sono invisibili ad occhio nudo. E’ composto da una parte meccanica (relativamente robusta e pesante) e da una parte ottica (funzionale). La parte meccanica serve a dare stabilità al sistema.La parte funzionale è formata da tre o quattro sistemi di lenti. Ci sono due tipi microscopio: quello ottico (usato nelle scuole) e quello elettronico; il microscopio elettronico, a differenza di quello ottico, utilizza un fascio di elettroni al posto della luce e al posto delle lenti ha due elettromagneti che formano l’ingrandimento dell‘oggetto. Dei tipi di organismi che si possono osservare tramite il microscopio  sono i batteri. I batteri sono microrganismi unicellulari con dimensioni minuscole. Essi sono onnipresenti e sono le forme di vita più diffuse nella terra. I due tipi principali di cellule sono: procariote ed eucariote. Le cellule procariote sono più piccole delle cellule eucariote e hanno una struttura più semplice. La differenza principale tra i due tipi di cellule, sta nel fatto che le cellule eucariote sono composte da strutture interne chiamate organuli racchiuse da una membrana. L’organulo principale delle cellule eucariote è il nucleo che ospita il DNA. Le cellule procariote non hanno il nucleo e quindi il loro DNA è racchiuso nel nucleoide. I batteri sono cellule  procariote.

Strumenti: microscopio.

 microscopio

Materiali: provetta, ansa, pipetta pasteur, vetrino copri oggetto , vetrino .

Sostanze e reattivi: acqua (H2O), yogurt.

Procedimento operativo:

  1. prelevare con l’ansa una piccola quantità di  yogurt per poi trasferirlo in una provetta contenente acqua;
  2. agitare fino ad un leggero intorbidamento;
  3. lasciare a temperatura ambiente per qualche minuto;
  4. prelevare con la pipetta Pasteur una goccia di sospensione e depositarla  in un vetrino;
  5. con il vetrino copri oggetto trascinare con un angolazione di 45o sul lato sinistro della goccia in modo che essa sia stesa completamente sul vetrino;
  6. successivamente osservare al microscopio.

Osservazioni

Dopo aver esteso il campione sul vetrino, naturalmente ad occhio nudo non riusciamo a vedere i batteri, ma tramite il microscopio abbiamo l’opportunità di notarli: in questo caso sono apparentemente statici, hanno  una forma circolare e sono di colore bianco. Utilizzando l’obiettivo meno potente riusciamo a vedere solamente i batteri ammassati tra loro . Quando  utilizziamo l’obiettivo più potente riusciamo  a vedere ogni singolo batterio e inoltre il loro contorno. Tramite una messa a fuoco adatta   (effettuata con la vite macrometrica e micrometrica) riusciamo a vedere i  loro particolari.

Conclusioni

L’ esperimento è riuscito in quanto è stato possibile osservare, tramite il microscopio, i batteri presenti nel campione.

 

Un pensiero su “Titolo: osservazione dei batteri presenti in un campione di yogurt al microscopio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...